fbpx
Lot 20000
Italian States » Lombardy Venetia
Has PDF Scans
Prix réalisé
Invendu
Estimation
2’000 EUR
Date de vente
Tue 14 Jun 2022 at 09:30 (Europe/Zurich)
Description:

1866, lettera del 23 luglio da Este per San Paolo della Valle, affrancata con 3 s. verde giallastro ed un 5 s. rosa della V emissione, entrambi annullati con cerchio semplice di Este (con iniziale occasionalmente completata a penna, apparentemente all’epoca e probabilmente dall’ufficio postale per rendere il nome completamente visibile), con transito di Rovigo ed arrivo al verso. Una delle solo sei o sette lettere note con quest’affrancatura solo possibile per un mese, e l’unica lettera ad oggi nota da Este, allo stesso tempo rappresentante di un patriottico « tricolore » e contenente un storico testo (vedere nota sotto) in questo periodo risorgimentale. Cert. Bottacchi (2022).

Nota: Affrancata per la regolare tariffa di lettera semplice di primo porto diretta all’interno, con cambio soldi di fiorino in parità con i centesimi di lira italiana. L’affrancatura risale al breve periodo di tolleranza dei francobolli della precedente amministrazione postale, d’accordo alla circolare Barbavara del 20.7.1866 in cui si indicava la tolleranza dei francobolli con monetazione austriaca sino al successivo 19.8. La busta contiene la missiva manoscritta all’origine, con un’alquanto dettagliata descrizione storica dell’entrata delle truppe italiane a Rovigo che, addobbata e festante per la grande occasione, le aveva accolte il giorno precedente. Tra gli altri, questi sono alcuni dei contenuti scritti dal mittente, un militare: « Non puoi immaginare la festante accoglienza che ci fecero al nostro arrivo e principalmente delle truppe così tanto desiderate (…) Tutti i cittadini portavano chi la coccarda tricolore chi la loro vestimenti bianca adornata in modo da formare la bandiera italiana (…) In sulla sera accrebbe la confusione, l’illuminazione per le vie rendeva assai più gradita la festa rallegrata da una buonissima musica della Guardia Nazionale accompagnata dalle repentine grida di Viva il Re! Viva l’Italia! Viva l’Esercito Italiano! (…) passai il ponte dell’Adige gran fiume ponte minato dai tedeschi per far saltar in aria ma non riuscirono che a fargli prendere una piccola curvatura (…) In questo momento non so ancora ove si diriga il nostro Corpo d’Armata… ».

Référence catalogue: Sassone 42, 43